Categorie
La Stampa Torino, rubrica

Belle come le rose

David Zonta, Torino

E’ tra i fiori più conosciuti e coltivati sin dall’antichità. Testimonianze della sua coltivazione arrivano dalla Cina, dall’Egitto, dalla Grecia e in generale da tutta l’area del bacino mediterraneo, dove veniva coltivata non solo a scopo ornamentale ma anche per estrarne l’olio essenziale.

Categorie
La Stampa Torino, rubrica

1° Maggio di felicità

David Zonta, Torino

Tempo fa acquistai ad un mercatino dell’usato un vaso portafiori verde. Fui attratto dalla forma tondeggiante e schiacciata che lo rendeva buffo. Era un vaso da quattro soldi, di vetro verde opaco. Il suo aprirsi a calice all’imboccatura mi ispirò l’utilizzo, “ci metterò i mughetti al 1° Maggio”, pensai tra me e me.

Categorie
La Stampa Torino, rubrica

Il fiore della libertà

David Zonta, Torino

Oggi è il 25 aprile, l’anniversario della liberazione italiana dal nazifascismo. E’ la giornata in cui festeggiamo la libertà, quella libertà che ci consente di esprimere il nostro parere, che ci permette di amare chi ci pare, quella libertà che ci fa viaggiare, navigare in internet, e ci consente di scendere in piazza per protestare, quella che abbiamo dato troppo spesso per scontata.

Categorie
La Stampa Torino, rubrica

Concimazioni galliche

David Zonta, Torino

Oggi vi parlerò dei concimi per le piante e di quanto sono importanti per il benessere e lo sviluppo delle nostre amiche verdi. Proverò a farlo in maniera semplice e divertente, e per questo ho immaginato di associare i macro-elementi che rappresentano il fondamento della titolazione dei principi fertilizzanti, ovvero l’azoto, il fosforo e il potassio, a tre personaggi che tutti conosciamo, o almeno dovremmo.

Categorie
La Stampa Torino, rubrica

Il miracoloso rosmarino

David Zonta, Torino. 

Ve ne ho parlato circa un anno fa, immaginandomelo nelle vesti di un amministratore di un condominio abitato solamente da piante e fiori. Me lo ritrovo in questi giorni a bussarmi alla porta per chiedermi di parlarvi ancora un po’ di lui. Inspiegabilmente, viene  riconosciuto dai più solo per l’utilizzo nelle ricette della cosiddetta dieta mediterranea.